iPhone ha distrutto la piattaforma Symbian di Nokia.

Apparso originariamente il 10 Ottobre 2013 su Appleinsider.com.

Scritto da Daniel Eran Dilger.

Nel 2008, un giornalista in Finlandia ha scritto una lettera a Nokia lamentandosi del fatto che i loro smartphone erano difficili da usare, imbeccando una risposta confidenziale che riconosceva gli sforzi disperati per rimanere al passo con il nuovo iPhone di Apple. Un anno dopo Nokia annunciò MeeGo, e l’anno seguente pianificò il pasaggio a Windows Phone. Oggi la compagnia è stata venduta per pochi spiccioli.

Nell’agosto del 2008, il giornalista di “Helsingin Sanomat” Lauri Malkavaara ha scritto a Nokia dicendo che sebbene la compagnia si sia definita come la produttrice di telefoni facili da usare, i suoi ultimi modelli erano confusi e frustranti.

Malkavaara ha detto che Nokia E51 basato su Symbian è stato il suo terzo cellulare. Ma a differenza dei precedenti cellulari di Nokia che “erano facili da usare” e “non c’era bisogno di manuali” l’ultimo modello non aveva nessuna di queste due qualità.

 

L’iPhone di Apple ha velocemente ucciso il Symbian di Nokia

“Ci ho lavorato su per circa una settimana,” scrive Malkavaara riguardo l’interfaccia del Symbian E51.”All’inizio non sapevo nemmeno come effettuare una telefonata senza consultare il manuale, ed ancora adesso non ci capisco molto .” In seguito ha dato a Nokia un importante avvertimento riguardo l’abilità di competere con i nuovi prodotti di Apple.

“Il problema è,” ha affermato,”che sei mesi fa un mio amico al lavoro mi ha mostrato un apparecchio prodotto da Apple chiamato iPod Touch. Mi sono innamorato istantaneamente. Volevo un iPod, e con quel device avrei potuto anche avere un comodo accesso ad internet e molto di più.”

“Ho ordinato il mio iPod touch, l’ho acceso, ed ho saputo immediatamente come usarlo. Ad oggi ho usato il device ogni giorno per più di sei mesi. e non ho nemmeno pensato ad un manuale. La logica dell’apparecchio si capisce subito. non c’è da meravigliarsi che sia un successo in tutto il mondo. ”

Descrive poi l’imperscutabile difficoltà nel navigare i menùsui telefoni Symbian di nokia per cercare di capire come svolgere la operzioni più semplici, dall’impostare una suoneria a mandare un messaggio di testo.

Malkavaara conclude dicendo” Nel mettere un telefono come l’E51 sul mercato, Nokia ha dilapidato le sue più importanti eredità: produrre telefoni in modo che siano facili da usare. Questo porterà dei problemi a Nokia.”

In risposta, ha dichiarato che Nokia si è prontamente fatta sentire il giorno seguente, notando che ” i boss di Nokia hanno cominciato a chiamarmi, volendo spiegari la strategia di Nokia.”

Ha spiegato che non era interessato nel fare rapporto riguardo la strategia di Nokia, ma voleva che il feedback fosse qualche cosa che la compagnia avesse considerato internamente. Un dirigente intransigente, scrive, spinse per avere una conversazione riguardo questo discorso, ed organizzò un incontro.

Dopo essersi agitato sempre di più di fronte agli sforzi del dirigente che gli voleva spiegare che gente diversa ” ha bisogno di differenti tipi di telefoni,” Malkavaara ha risposto che, ” il tipo di persona che vuole usare un cattivo telefono non esiste.”

Nokia sapeva che Symbian non era competitivo

In confidenza il dirigente si è addolcito ed ha spiegato che la compagnia era pienamente cosciente del problema, scusandosi per il fatto che Nokia avesse prodotto una cattiva esperienza con il telefono. Ha poi descritto un progetto top secret all’interno di Nokia per sviluppare un nuovo sistema operativo che avrebbe dovuto supportare nuove tipologie di telefoni che sarebbero stati facili da usare.

Nokia aveva seguito molto da vicino il lancio dell’iPhone di Apple nel 2007, ed aveva spedito “un gran numero di iPhone all’uffico principale di Nokia ad Espoo” tramite corriere alla sua uscita. Il dirigente ha detto di averne portato uno a casa e di averlo fatto vedere alla figlia di 4 anni che “imparò ad usarlo immediatamente.”

Il dirigente disse di sapere che “Nokia era in pericolo” quando la giovane ragazza quella sera gli chiese se ” poteva prendere il telefono magico e metterlo sotto il cuscino quella notte.”

iPhone distrugge Blackberry, Android non può competere in valore

Un mese dopo, nel settembre del 2008, Canalys ha pubbilcato dei dati che mostrano che la crescita di Symbian si è arrestata al lancio della seconda generazione dell’iPohne di Apple, il 3G, prima che android fosse venduto in un telfono al pubblico.

Android non sarebbe diventato di pubblico dominio per u altro anno, durante il quale il parallelo collasso di Blackberry a Verizon Wireless per mano dell’iPhone di Apple spinse Verizon ad abbandonare Blackberry e scegliere Android come alternativa ad iPhone fino al 2010.

Alla fine del 2010, le deboli vendite di Android hanno dimostrato che quella piattaforma non era in grado di produrre una domanda simile a quella di iPhone, spingendo Verizon a collaborare con Apple con l’iPad, seguito dall’iPhone 4 all’inizio del 2011. l’iPhone di Apple diventò rapidamente il top seller di Verizon.

Maemo-MeeGo di Nokia non va da nessuna parte, seguito da Windows Phone

Il sistema operativo top secret di Nokia era Maemo, un progetto Linux che Nokia aveva usato in precednaz nei Netbook ed ha reso pubblico come piattaforma smartphen nell’agosto del 2009, un anno dopo avere rivelato la strategia a Malkavaara. Per la prima vola Nokia a descritto Maemo come il suo nuovo piano per rimpiazzare Symbian un anno dopo che iPhone 3G aveva minacciato le prospettive di crescita di Nokia.

Nel febbraio 2010, Nokia ha annunciato i piani per fondere Maemo con il progetto simile Moblin (Mobile Linux) di Intel portando a MeeGo. La compagnia in seguito faticò a finire MeeGo per l’estate del 2010, quando il sistema operativo venne installato inizialmente sul netbook N900 di Nokia,. Nokia impiegò più di un altro anno per far funzionare MeeGo su uno smartphone, il N9, rilasciato nel Settembre 2011.

Da quel punto, una Nokia sempre più disperata ha cominciato a collaborare con Microsoft, che era stata testimone dell’implosione della propria piattaforma Windows Mobile per mano dell’iPhone. Microsoft stava tentando una ripartenza della sua piattaforma mobile con il nome di Windows Phone, ma stava vedendo un interesse limitato nel mercato.

Appena 5 mesi dopo avere eletto Stephen Elop come suo CEO nel settembre 2010, l’ex dirigente Microsoft ha annunciato il nuovo corso della compagnia basato sul Windows Phone 7 di Microsoft, grazie ai miliardi che Microsoft ha pagato a Nokia per adottare la sofferente piattaforma.

In effetti Elop ha terminato ogni sviluppo futuro del progetto interno di Nokia MeeGo per focalizzarsi su Windows Phone, nella speranza di differenziarsi dalle offerte dei venditori di Android.

Ad ogni modo, dopo due anni e mezzo di fallimento nell’ottenere  trazione con Windows Phone e nel vedere la propria fetta di mercato scendere dal 23% al 15%, Nokia ha acconsentito ad essere acquistata da Microsoft per 7.2 miliardi di dollari.

Sette anni prima del debutto di iPhone di Apple, il valore di mercato di Nokia era di circa 116 miliardi di dollari, quasi uguale ad Appel stessa. Nel 2000, prima che glismartphone entrassero nel mercato, Nokia aveva una valutazione di circa 222 miliardi di dollari. Oggi, la capitalizzazione di Apple è circa 400 miliardi di dollari.

Pubblicato in Apple, iPhone, Tecnologia, Traduzioni | Lascia un commento

Gli apparecchi iPhone-sized Android stanno fallendo.

Apparso originariamente il 10 Ottobre 2013 su Appleinsider.com.

Scritto da Kevin Bostic.

Gli iPhone da 4 pollici di Apple sono gli smartphone più venduti sul mercato, ma i concorrenti come HTC e Samsung stanno avendo difficoltà nel convincere i consumatori a comperare i loro apparati delle medesime dimensioni.

Apparati come l’HTC One ed il Samsung Galaxy S4 possiedono display di dimensioni maggiori di quelle dei loro predecessori, come risultato delle preferenze di alcuni consumatori per gli schermi più grandi. Comunque, HTC e Samsung hanno rilasciato anche il Mini One ed il Galaxy S4 mini, apparati “top di gamma” dallo schermo più piccolo con caratteristiche tecniche inferiori intesi per competere con l’iPhone di Apple per quegli acquirenti che vogliono un telefono più piccolo. Questi “mini top di gamma”, tuttavia, hanno avuto vendite basse, come ci dice Digitimes.

Citando fonti industriali, Digitimes afferma che l’S4 mini ha avuto vendite scialbe. Questo è dovuto in parte alle specifiche più basse di questo apparecchio, che deve anche competere con una schiera di altre offerte di fascia media della stessa Samsung. I consumatori non si stanno affannando neppure per l’HTC mini, ed il produttore è stato forzato a ridurre il prezzo di vendita in alcuni mercati di circa il 20%, appena due mesi dopo la sua introduzione.

Al di là della competizione da parte di appareati dallo schermo più grande e dalle stesse caratteristiche tecniche, un altro fattore potrebbe essere l’iPhone di Apple, che sposa le alte performance che si vedono tipicamente negli apparati di più grandi dimensioni con il fattore di forma che molti consumatori preferiscono. Diversi studi hanno giù dimostrato che ci sono più utenti Android che passano all’iPhone piuttosto che il contratio, ed le recenti vendite record del nuovo iPhone di Apple indicano che c’è ancora un certo appetito per apparecchi con quelle dimensioni, a dispetto delle scarse vendite dei concorrenti in quel settore. Inoltre, i “mini top di gamma” dei produttori Android non hanno trovato domanda fra i consumatori, sebbene abbiano un prezzo molto al di sotto di iPhone.

Il rifiuto di Apple mostrato finora di andare oltre lo schermo da 4 pollici è dato in parte dall’insistenza da parte della compgania che gli utenti di iPhone dovrebbero essere in grado di usare i propri apparecchi con una sola mano. Le dimensioni dello schermo dell’iPhone 5, 5s e 5c, permettono alla maggiorparte degli utenti di tenere il telefono con una mano ed avere accesso ad ogni aprte dello schermo con il pollice.

Apple si dice stia lavorando su un iPhone dallo schermo maggiore, sebbene tali indiscrezioni siano in giro da diverso tempo. il CEO Tim Cook ha suggerito che gli iPhone potrebbero ottenere un display di dimensioni maggiori quando Apple potrà produrli senza scendere a compromessi in termini di durata di batteria, riproduzione dei colori ed altri fattori.

Il mio commento:

A mio parere questi apparati cosiddetti “mini flagship” portano soltanto ad una ulteriore confusione nel già frammentato mondo degli apparati. Inoltre il fatto di usare il suffisso -mini è molto spesso fuorviante. Infatti un Galaxy S4 mini, non è solo un S4 con lo schermo più piccolo ma ha anche delle caratteristiche tecniche molto inferiori. Quindi chi lo acquista pensando di prendere un S4 che sta più comodamente in tasca, in realtà si porta a casa un prodotto inferiore anche sotto altri aspetti. Forse se avessero fatto un telefono con le stesse caratteristiche tecniche ed un display di dimensioni inferiori le cose sarebbero andate diversamente. Vedremo se in futuro faranno lo stesso errore.

 

Pubblicato in iPhone, Tecnologia, Traduzioni | Lascia un commento